ciaomaurizio

-.-. .. .- — / — .- ..- .-. .. –.. .. — / .-. .. — .- .-. .-. .- .. / … . — .–. .-. . / -. . .. / — .. . .. / .-. .. -.-. — .-. -.. .. / -.-. — — . / ..- -. .- / -.. . .-.. .-.. . / .–. . .-. … — -. . / .–. .. ..– / –. . -. .. .- .-.. .. / — .- .. / .. -. -.-. — -. – .-. .- – . / -. . .-.. .-.. .- / — .. .- / …- .. – .- .-.-.-
ciao /maurizio /rimarrai /sempre /nei /miei /ricordi /come /una /delle /persone /più /geniali /mai /incontrate /nella /mia /vita.

Queste sono state le prime parole che ho pensato e che ho scritto appena ho sentito la triste notizia della tua scomparsa.telegraf
Scritte in codice morse un omaggio ad una persona geniale che mi ha aiutato ad avvicinarmi sempre più al mondo di “guglielmo” come spesso usavi chiamarlo tu.
Il tuo lavoro mi ha sempre stupito come un bambino, forse proprio perché nello svolgerlo ci hai sempre messo l’anima e il cuore come fa un bambino che gioca al suo gioco preferito.
Mi vengono in mente tanti aneddoti, dalla prima volta che da più piccolo ti vidi spiegarmi il magnetismo con la polvere di ferro e le calamite durante una mostra a palazzo re enzo a tutte le volte invece che da mio “collega” e quindi da ragazzo cresciuto mi hai spiegato e svelato misteri e curiosità del mondo o semplicemente dell’attrazione del museo che avevi preparato con tanta cura e amore per un qualche evento.
Passati un po’ di giorni guardando la tua intervista la mente vola all’ultima volta che ti ho visto, ti ho mostrato e spiegato quello che è stato un mio omaggio a te e a tutto ciò che mi hai trasmesso ovvero un dettaglio dell’attuale sito di fgm il testo in codice morse che scorre quando le pagine del sito si caricano..
Risentendo le tue parole in cui racconti la passione con cui hai creato e curato i tuoi strumenti, il museo marconi e la villa griffone.. non posso fare a meno di pensare che con te se ne va la magia che mi ha sempre affascinato, senza di te.. rimane solo la scienza e la storia.. ma non la magia..
Con tanto affetto e tristezza nel cuore ti saluto dicendoti..
Ciao Mago delle Onde.

Gabriele Latte