XXI secolo

XXI-secolo-Paolo-ZardiAnche la narrativa contemporanea coglie, di passaggio, la stretta parentela tra gli esordi della radiotelegrafia e le moderne pratiche epistolari.
Il brano è tratto da Paolo Zardi, XXI secolo, Neo Edizioni, romanzo finalista al Premio Strega 2015.

«Si sedettero. Al cameriere marocchino ordinarono due caffè – lui decaffeinato, lei macchiato. Dalla parte opposta del corridoio c’era un’erboristeria malandata. Dentro, vide una commessa coi capelli rossi che digitava su uno smartphone di mezzo metro quadrato: sembrava una naufraga aggrappata alla zattera. Con quel coso grande come un telegrafo, mandava SOS nell’etere, sperando che qualcuno venisse a salvarla.»