Archivi categoria: nomi, luoghi, oggetti, vestigia

Lizard Point

Una bella pagina web di National Trust ricorda la presenza di GM nella propaggine sud-ovest dell’Inghilterra.
Sono tuttora visibili e in parte visitabili i resti di due diverse stazioni wireless installate da GM oltre un secolo fa: a Poldhu, da cui partì il primo segnale transatlantico (dicembre 1901), e a Bass Point, che fu tra l’altro la prima stazione costiera a ricevere un SOS.

Marconi on the Lizard

Passaporto 1915

passaporto marconi 1915Un’immagine del passaporto di GM al tempo della Grande Guerra (fonte: Marconi Calling).

L’impressionante quantità di timbri raffigura efficacemente una delle costanti della vita di GM, tanto in guerra quanto in pace: la mobilità, il frequente trasferirsi da un luogo all’altro.

Un abito per Gioia

1952-Bozzetto-per-l’abito-da-sposa-Donna-Gioia-Marconi-Braga.-Courtesy_ArchivioLe tre sorelle più celebri del mondo dell’Alta Moda sono le sorelle Fontana: trasferitesi a Roma dalla provincia di Parma, fondarono nel 1943 un atelier che nel dopoguerra s’impose a livello internazionale.
La prima cliente importante fu la figlia di GM, Gioia, per cui confezionarono un abito da sposa in occasione delle nozze con George Braga Atkinson.
L’anno delle nozze è il 1954 ma il bozzetto ovviamente lo precede (si legge in evidenza la data 1952).

sorellefontana.com

Last Hurrah at Hall Street

Lo stabile che ospitò la prima fabbrica al mondo di tecnologie wireless si trova a Chelmsford, Essex. Qui, per molti anni, operò la Marconi’s Wireless Telegraph Company. Oggi sta per essere trasformato in appartamenti.
Negli ultimi tre mesi si sono svolti numerosi incontri e rievocazioni, per rivolgere un affettuoso addio all’antica sede operativa della Marconi Co.
Un video ritrae alcuni momenti del simbolico congedo.

Albergo Pedretti

«Al Pedretti si davano appuntamento nomi illustri della vita culturale, politica ed economica albergopedrettibolognese e casalecchiese […] Spesso vi si fermava anche Giosue Carducci che talvolta sostava pure all’Albergo Reno, la cui architettura scimmiottava gli chalet svizzeri. Abituali frequentatori del Pedretti erano anche Giuseppe Marconi e il giovane figlio Guglielmo, che scendevano dalla villa Griffone di Pontecchio dove il futuro grande scienziato, fin dal 1888-89, aveva iniziato i suoi straordinari esperimenti di radiotelegrafia.»

Così scrive Giancarlo Roversi, in una pubblicazione sul Lido di Casalecchio, L’anno, in verità, è quello del primo interessarsi del giovanissimo GM ai fenomeni elettrici, mentre un’attenzione specifica a un particolare utilizzo delle onde hertziane è databile non prima del 1892.

Supercomputer Marconi

marconi-supercomputerCineca è il Consorzio Interuniversitario di calcolo con sede a Casalecchio di Reno. Fondato nel 1969 senza scopo di lucro, è costituito da 70 Università italiane, 5 Enti di Ricerca e il MIUR.
Oggi è il maggiore centro di calcolo in Italia e uno dei più importanti a livello mondiale.
Dal mese scorso ha avviato l’installazione di un nuovo supercomputer, denominato “Marconi“, che andrà ad affiancare il “Fermi”, supercomputer attivato dal Cineca nel 2012.

scheda Cineca

IMD

imdL’acronimo è significativo (CRAC) e sta per Cornish Radio Amateur Club (GX4CRC), che ha sede in Cornovaglia, uno dei luoghi in cui GM ha fatto la storia del wireless.
Da 29 anni il CRAC organizza l’International Marconi Day, incontro via radio fra le stazioni marconiane sparse per il mondo, a cui naturalmente aderisce anche il CSMI (Coordinamento Stazioni Marconiane Italiane). L’IMD si svolge di solito in prossimità del 25 aprile, data di nascita di GM. Sul sito del CRAC è consultabile la lista aggiornata delle stazioni partecipanti all’edizione di quest’anno.

Pale Blue Dot

PaleBlueDotEra il 14 febbraio 1990 quando la sonda Voyager 1, che si trovava a circa 6 miliardi di Km dalla Terra, scattò una serie di foto del nostro pianeta.
Una di queste è divenuta celebre con il soprannome di “puntino blu” grazie soprattutto alle riflessioni dell’astronomo e divulgatore Carl Sagan, che nel 1994 pubblicò per Random House Pale Blue Dot: A Vision of the Human Future in Space.
Si può trovare una scheda dell’immagine nel catalogo della NASA Visible Earth.

Le carte di Vyvyan

L’ingegnere Richard Vyvyvyvyanpapersan fu uno dei più stretti collaboratori del giovane GM, soprattutto in occasione della prima trasmissione transatlantica senza fili (1901). Nel 1933 scrisse un libro di memorie – Wireless over 30 years – che è tuttora fonte autorevole per la storia della nascita e dello sviluppo del wireless.
L’importanza di Vyvyan è ribadita dal valore attribuito ad alcuni suoi documenti: in un’asta di Bonhams (Londra) del 27 marzo 2012, il Lotto 214, comprendente una serie di carte relative alle prime grandi imprese di GM, è stato venduto per 22.500 sterline (28.503 euro).